Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. Subito la so sicurezza.

Arlecchino. La razza conto che el padron sia vegnudo.

Brighella. Dov’elo?

Arlecchino. Son mi, per servirla.

Brighella. Bravo, me ne rallegro. Voleva ben dir mi, che avevi ciera da galantomo.

Arlecchino. Obbligatissimo alle so grazie.

Brighella. Ma perchè finzerve el camerier?

Arlecchino. Ghe dirò, signor : son un omo senza superbia; ho fatto per non metterla in suggizion.

Brighella. Bravissimo; me pias el voster spirito. Andemo dentro, che la discorreremo meggio.

Arlecchino. Ponto e virgola, e tre passi indrio. Dov’è la mia sicurezza?

Brighella. Sì, volentiera. Eccola qua. Subito, (cerca per le tasche)

Arlecchino. (Politica). (da sè)

Brighella. Tegnì. (gli dà un pezzo di carta)

Arlecchino. Coss’ela questa?

Brighella. Una firma del mio capitanio.

Arlecchino. Da cossa far?

Brighella. Anderì con questa dall’illustrissimo sior capitanio a farve pagar.

Arlecchino. Con so bona grazia, patron, mi ho da tender ai fatti mii; non ho tempo da perder; no voi firme, no conoss capitani, i voi esser quattrini.

Brighella. Eh via, spicciamola, che la mia zente l’è stracca. Entremo dentro, e sari paga.

Arlecchino. Mi ve digh del missier no. Qua gh’è bona giustizia; el Governator no me comanda d’alozar soldadi, e ghe digh cussi, che sine pecunia non manducabuntur.

Brighella. (Ti gh’ha rason che no vói far strepito, perchè no se scoverza la magagna). (da sè)

Arlecchino. (Gran mi! Politica). (da sè)

Brighella. Donca no ne voli alozar?

Arlecchino. Per no tegnirla in tedio, ghe dirò de no.