Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/147

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Dottore. Mi maraviglio, signore. Io sono un galantuomo, sono un uomo d’onore. I miei debiti non li pago così. Domando liquidazione, e non carità. Voglio pagare il giusto, e non voglio marche di disonore, d’impuntualità, di fede sospetta. La rice- vuta, senza il pagamento seguito, rende vana, inutile la cambiale, onde si può lacerarla, come ora faccio. La rimanderò all’amico; narrerò il fatto; darò merito alla di lei generosità; ma nel tempo medesimo salverò l’onor mio e la mia illibata puntualità, (parie

SCENA VII.

Ridolfo ed Orazio.

Ridolfo. Mio fratello è un pazzo.

Orazio. No, amico : egli è un onestissimo galantuomo, e certa- mente sempre più m’impegna a dargli prove della mia stima. Lo farò ricco, lo farò grande, lo renderò felice.

Ridolfo. Sì, mi piace infinitamente che mio fratello abbia del bene; ma vi raccomando la mia persona. Ricordatevi, caro amico, che io sono stato il primo...

Orazio. Sì, egli è vero, e vedrete quello che farò per voi.

Ridolfo. Lo stato maggiore è completo? Le piazze di tenente colonnello, di maggiore, le avete già conferite?

Orazio. Il tenente colonnello è già fatto. Per il maggiore ho un impegno, ma si potrebbe vedere...

Ridolfo. Via, vediamo.

Orazio. La persona che mi ha impegnato, ha sborsato a conto dugento zecchini : ora, per dirla, pare che non si trovi in istato di arrivare all’intiero sborso.

Ridolfo. A quanto dovrebbe ascendere la somma per una tal piazza?

Orazio. Già sapete che da voi non voglio niente. Basterebbe poter rendere a quel tale 1 suoi dugento zecchini.

Ridolfo. Questa è cosa facile. Si renderanno subito.

Orazio. L’avete voi questa somma?

Ridolfo. Mio fratello.