Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. Se poi far la lettera d’avviso, come s’ha fatto la cambiai.

Orazio. Non siamo più in tempo. Anzi, s’egli ha scritto al suo corrispondente, questa è la maniera d essere scoperti. Convien andarsene; ma due cose mi premomo innanzi di partire.

Brighella. Che son?

Orazio. Il vestiario del signor Pantalone, e la di lui figliuola. Il primo l’averò domani. Quell’altra m’ingegnerò di non per- derla.

Brighella. Sior Orazio, no fè che l’amor ve minchiona.

Orazio. Oltre l’amore, vi è l’interesse. Diecimila ducati in denaro contante.

Brighella. Basta; bisogna far presto.

Orazio. Fra oggi e domani. Tu intanto non mi perder di vista, stammi sempre poco lontano, e se mi vedi in qualche impegno, accorri a liberarmene con qualche pretesto.

Brighella. In questo lasse far a mi. Gh’è un altro imbrogietto adesso da comodar.

Orazio. Che cosa e’è?

Brighella. L’oste che ha dà da magnar ai soldadi, Tè qua colla lista, che el vorave esser paga.

Orazio. Fallo venire avanti.

Brighella. Avi da pagarlo?

Orazio. Non importa, fallo venire.

Brighella. Gh’ho dà speranza che el sarà vivandier, ma tant’e tanto el voi esser paga.

Orazio. Fallo venire, ti dico, e sta pronto quando ti chiamo.

Brighella. Benissimo, penseghe vu; e averti ben che i soldadi i è de bon appetito, e che costù no ghe voi dar altro, (parte

SCENA XI.

Orazio, por Arlecchino.

Orazio. Queste per me sono piccole cose. Far tacere un oste è la cosa per altri la più difficile, e per me è la più facile.

Arlecchino. Fazz reverenza a vussustrissima.