Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/219

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

211


Dottore. Effett della so buntà e effett della clemenza dei signori Veneziani, che m’han suffert, compatì, e m’han dà coragg de far quel poch ch’ho possù.

Zamaria. St’altro Brighella che ave tolto1, nol xe bon da far altre parte?

Ottavio. Anzi; ha presenza, ha voce, ha spirito; vedrà che sarà contenta.

Zamaria. Oimei! (respirando) me fè cresser el cuor. Co l’è cussì, averemo meggiorà donca.

Florindo. Noi non abbiamo ardir di dir questo; ma abbiamo buona speranza, e la nostra speranza è fondata sui capitali che nei due soggetti si riconoscono. Può tradirli, è vero, da prima l’apprensione, la confusione, il timore; ma col tempo ardirei promettere che si faranno.

Zamaria. Vu disè ben, caro amigo. Ma saveu el pubblico come che el xe? Ste rason no i le vol ascoltar. Co no i piase subito, no i dise miga i se farà; i dise che i xe cattivi.

Ottavio. Tutti non parleranno nella stessa maniera.

Argentina. Il signor Zamaria ci difenderà.

Zamaria. Se savessi quante baruffe che ho fatto per vualtri! Ma st’anno ghe n’ho sentìo tante, che me giera cascà i brazzi, e no ghe ne voleva più sentir a parlar.

Flaminia. Via, signore, ci dia animo e ci continui la sua protezione.

Zamaria. Per i do personaggi me de bone speranze, ma de sto vostro poeta cossa me diseu? Cossa diavolo xe sta? Xe vero che l’ha fatto una commedia sola?

Flaminia. Ma! pur troppo è la verità.

Florindo. È stato quasi cinque mesi ammalato.

Zamaria. Sì ben; anzi i aveva dito che el giera morto. Poverazzo! me despiaseva. Mi per altro no credo che l’abbia fatto una commedia sola. El dirà cussì per politica, e pò, tutto in t’un tempo, el darà fogo a una batteria de cannoni.

  1. Antonio Martelli bolognese, già sarto: v. Fr. Bartoli cit. e L. Rasi, I comici italiani, vol. II, Firenze, 1905.