Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/224

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
216


sperar; ma qua in ste lagune ho da suar la mia parte avanti de esser, no digo lodà, ma compatio. Non ostante, ve torno a dir, no me perdo. Sarà quel che piaserà al cielo. Son venezian, e i Veneziani tanto amorosi, tanto indulgenti coi forestieri, no i sarà manco facili con un patrioto. Son cognossù in sto paese; se sa che unicamente per un trasporto de genio, de inclinazion, me son risolto de montar su ste tole, de metterme sta maschera al viso, de esporrne al pubblico in sto carattere de Pantalon. Se i amici, se el popolo, se l’universal me darà coraggio, non averò occasion de pentirme della mia ressoluzion, e el pubblico no sarà descontento de mi. Ma ghe vol tempo, patron, ghe vol tempo. Sto personaggio de Pantalon xe più difficile de quello che ve podè immaginar. Bisogna qualche volta far da padre severo con un fio discolo, disubbidiente, correggerlo, ammonirlo, manazzarlo se occorre con parole de autorità, con ose grave, con forza, con spirito e con calor. E pò all’incontro, quando capita l’occasion, far l’amor colle donne, far el vecchietto grazioso, dir delle barzellette, buttar lepido, manieroso, bizzarro, e ballar anca una furlanetta se occorre. Bisogna pò anca esser boni da cavarse la maschera, se fa bisogno. Far un poco da cortesan, un tantinetto da buio, sticcarla in tutto; una carta per ziogo, e procurar, co se poi, d’aver el tratto dai altri, e ziogar sempre trionfo. Cognosso el bisogno; so in che impegno che son, ma no so come che la sarà. Farò el pussibile per far ben. Me butterò in brazzo dei mi amorosissimi patrioti. Ghe domanderò perdon dell’ardir, i pregherò de usarme carità per incoraggirme, de aver pazienza per meggio sperimentarme, assicurandoli che se la bontà dell’udienza va del pari col zelo che ho concepido per ben servir, in poco farò salti mortali, deventerò un altro, non averò più ne rossor, nè paura, ne suggizion. Coll’assistenza, colla protezion dei mi amici combatterò con tutti, sfiderò tutto el mondo.

          «Per entrar in battaglia ho za provviste
          «Catapulte, monton, gatti e baliste1. (parte)

  1. Un verso del Tasso, detto per allegoria.