Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/244

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
234 ATTO PRIMO


Aurelia. Sempre disgrazie. M’aiuti il cielo.

Pantalone. La sappia che siora donna Lugrezia, so cugnada, ha dà parola a sior Florindo Aretusi de darghe per muggier siora donna Laurina.

Aurelia. Come! mia figlia in isposa a quel discolo, a quel villano?

Pantalone. Certo che la sarave precipitada per tutti i versi; ma siora donna LugRezia, che xe restada erede de tutto, e che ha da dar la dota a sta putta, no la vardaria de precipitarla, per darghe manco che sia pussibile.

Aurelia. Povero mio marito! se fosse vivo!

Pantalone. Se el fusse vivo, no ghe saria sto pericolo. Lu el gh’aveva massime da cavalier; e se l’avesse podesto, prima de morir, far testamento, l’averia provisto el so sangue. No l’averave lassÀ la so unica fia alla descrizion de una sorella avara, che volendo tutto per ela, no gh’ha riguardo a sagrificar una creatura innocente all’idolo maledetto dell’interesse.

Aurelia. Ma non le riuscirà sì facilmente di farlo. Laurina è mia figlia, nÈ mi farà quest’insulto di collocarla senza l’assenso mio.

Pantalone. So cugnada saria capace de farlo, e la gh’ha un mario avaro più de ela, che la conseggia.

Aurelia. Lo sposo sa che ci sono. Non ardirà sottoscrivere senza di me.

Pantalone. Cossa vorla che sappia un omo ordenario che ha trova i bezzi fatti da so pare, e che per rason dei so bezzi noL stima nissun? Nol sa la creanza, e nol la vol imparar.

Aurelia. Quel ch’è peggio, è un discolo, un dissoluto, giocatore, insolente. Povera mia figliuola! Sin che avrò vita, non acconsentirò certamente alla sua rovina.

Pantalone. Per mi, signora, no ghe vedo altro remedio che quello de far che la putta tegna duro, e che la diga de no.

Aurelia. Spero ch’ella non si allontanerà dal consiglio mio. Sa quanto io l’amo; l’amo più di me stessa: e morirei di dolore, se la vedessi fra le braccia d’uno che non la merita.

Pantalone. Me par de sentir zente.

Aurelia. Favoritemi guardar chi è.