Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/331

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

TERENZIO 319


SCENA IV.

Terenzio, poi Creusa.

Terenzio. Desio di libertade, tenero dolce affetto

Mi pungono egualmente con pari lancia il petto;
Io peno fra due lacci, però non mi confondo,
Cose maggiori il tempo sa regolare al mondo.
Creusa. Ah Terenzio, disastri nuovi il destin minaccia:
Il signor nostro irato, bieco guardommi in faccia.
Hai tu svelato ad esso l’ardor ch’entrambi accese?
Terenzio. Non da me, ma da Lelio tutto l’arcano intese.
Svelar ciò si dovea; doveasi uscir di pena.
Creusa. Esser speriam disciolti dalla servii catena?
Terenzio. La libertà m’offerse, solo, da te lontano;
Ma chi da te mi toglie, m’offre i suoi doni invano.
Morirò, pria che teco non vivere, mio bene.
Creusa. Stelle! al cuor mio che t’ama, raddoppiansi le pene.
Lascia quest’infelice in braccio al suo destino;
Non perder per me sola l’onor di cittadino.
Terrò senza lagnarmi fra le ritorte il piede,
Bastami che a me serbi il tuo cuor, la tua fede.
Terenzio. Se basta a tua virtute, all’onor mio non basta.
Le nozze tue Lucano amante mi contrasta.
Lungi da te preveggo di perderti il periglio;
Fia teco star tra’ lacci per or miglior consiglio.
Creusa. Spicca ne’ detti tuoi la tenerezza estrema,
Ma d’un padrone acceso dubita l’alma, e trema.
S’ambi qui star dobbiamo, direi miglior partito
Far con segrete nozze Terenzio a me marito.
Terenzio. Cresca l’amore a segno che per dolor mi sveni,
Ma un sol pensier la brama moderi, spenga, o freni.
Pensa che i figli nati di schiavitù agli orrori,
Seguon lo sventurato destin dei genitori;
E debitor saremmo, per folli amori ardenti,
Dei lacci tramandati ai miseri innocenti.