Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/440

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
426 ATTO PRIMO

Godo trovare in lei tanta sincerità,

Che uguagli il pregio eccelso di lodata beltà.
D. Eleonora. Voi parlate da scherno, io davver vi rispondo:
Torquato è tal poeta, che non ha pari al mondo.
Felice quella donna che di sue lodi è degna!
Egli co’ vivi carmi a rispettarla insegna.
Quantunque lusinghiera, nata di stirpe infida,
Desta amor, desta invidia all’altre donne Armida.
E Clorinda infelice, allor che langue e more,
In chi legge i bei carmi, desta pietade e amore.
Se lo scrittor felice di me formasse istoria,
Voi pur sareste meco a parte di mia gloria.
Ma il dolce madrigale non parlerà di me;
Son parecchie Eleonore: in Corte siamo tre.
L’una serve, egli è vero; di lei non canterà.
L’altra è amata dal Duca, rispettarla saprà.
Dir ch’io sia non ardisco; è ver, son maritata:
Ma puote in ogni stato la donna esser lodata, (parte)

SCENA XIII.

Don Gherardo solo.

Ho inteso e non ho inteso. Ognuna delle due

Ha sovra il madrigale le pretensioni sue.
Dubito che sia peggio averlo letto; avea
Curiosità d’intendere... Ma so quel che sapea.
Non veggo a chi Torquato rivolga i suoi pensieri;
Ma so che ’l gradirebbe mia moglie volentieri.
Par che di gloria solo senta nel cuore il caldo:
Esser vorrebbe Armida, ma temo di Rinaldo.
Temo, che se Clorinda nell’eroismo eguaglia,
Non trovi il suo Tancredi, che la sfidi a battaglia.
Per lo più queste donne che leggono poemi,
Apprendono d’amore le leggi ed i sistemi.