Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/470

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
456 ATTO TERZO

E la ragion per cui mi son seco impegnato,

Ell’è, perchè nel regno di Napoli son nato;
Onde a quel che ricevo non meritato onore,
S’aggiugne della patria gratitudine e amore.
Tomio. Compare, a sto discorso no posso più star saldo.
Sta rason, comparirne, m’ha fatto vegnir caldo.
Se se nassù in Sorriento, cossa conclude? gnente.
Se sa che là sè nato solo per accidente.
Vostra mare xe andada a trovar so sorella,
L’ha trattegnua i parenti, l'ha partorio con ella.
Sè nassuo là, e per questo? Se nato fussi in mar,
Concittadin dei pesci ve faressi chiamar?
Dirà chi ve pretende, chi ha invidia al Venezian:
L’è stà generà in Napoli, el xe napolitan.
Fermeve, a chi lo dise, fermeve, ghe respondo:
De un omo che va in ziro, xe patria tutto el mondo.
Quando Bernardo Tasso a Napoli xe andà,
A Bergamo so patria no aveva renonzià.
Xe nati bergamaschi tutti i parenti soi,
E sarà bergamaschi, come xe el pare, i fioi.
Là xe la casa vostra, de Bergamo ai confini
Un tempo comandevi, sè adesso cittadini.
Del Tasso la montagna dà alla fameggia el nome.
Napolitan Torquato? Chi è che lo prova, e come?
Suddito de Venezia ogni rason ve vol;
Co chiama la sovrana, no, mancar no se poi.
E una sovrana tal, che a tutti è madre pia,
Piena de carità, d’amor, de cortesia,1
No merita sti torti, no merita che ingrato
La lassa, l’abbandona, per Napoli Torquato.
Savè che i forestieri corre a Venezia tutti,
Co i gh’ha bisogno, e i trova delle fadighe i frutti;
E so per esperienza, e ho sentio a confermar,

  1. L’ed. Pitteri ha qui il punto fermo.