Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/474

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
460 ATTO TERZO

In tali gaglioffaggini il babuasso impegnasi.

Ragion non è feroce, la ragion non isdegnasi.
Schicchera paradossi, squaderna falsi termini,
Che fan muovere i bachi.
Tomio.  Che voi mo dir?
Cavaliere.  I vermini.
Tomio. Seu fiorentin?
Cavaliere.  Nol sono, ma della lingua vantomi,
E cuopromi col vaglio, e col frullone ammantomi.
Son cavalier, son tale che ha veste, e può decidere;
E appresi la farina dalla crusca a dividere.
Tomio. Caro sior cavalier, sibben son venezian,
Mi me ne son incorto, che no gieri toscan.
Usa i Toscani, è vero, bone parole e pure,
Ma usar no i ho sentii le vostre cargadure.
Capaci elli no xe de dir dei barbarismi,
Ma gnanca no i se serve dei vostri latinismi.
La critica ho sentio del verso de Torquato;
Son qua, sior cavalier, son qua, sior letterato.
     «Risponderò, come da me si suole,
     «Liberi sensi in semplici parole.
Sdegno guerrier: distingue el sdegno del valor
Da quel che per la rabbia degenera in furor.
Sdegno della ragion: ogni moral insegna,
Che anca la virtù stessa colla rason se sdegna;
E la ragion feroce sona l’istessa cosa,
Che dir la ragion forte, la ragion valorosa.
Coi occhi della mente esaminò Rinaldo,
Un omo figureve che per amor sia caldo,
Che se ghe leva el velo dai occhi impetolai,
Che se ghe sciolga in petto i spiriti incantai;
Se sveglia la rason, e la rason se accende
De quel sdegno guerrier, che el so dover comprende;
E tanto poi el scudo, e tanto poi la voce
D’Ubaldo, che deventa sdegno guerrier feroce;