Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/496

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
482 ATTO QUINTO

Tomio. All’ospeal? per cossa?

Cavaliere.  Per esser cagionevole,
Babbeo, squasimodeo, bietolon miserevole.
Tomio. Coss’è sto strapazzar? Tasè, sior boccazzevole,
O ve dirò anca mi qualcossa in venezievole.
Torquato all’ospeal? creder noL posso ancora;
Ma se el ghe fusse, el Duca lo farà vegnir fora.
Lo pregherò per grazia lassarlo vegnir via;
Se el lassa sto paese, ghe passa ogni pazzia.
El goderà a Venezia zorni assae più felici,
E el farà magnar l’aggio a tutti i so nemici.
Cavaliere. Vadia dove gli pare, formato è il vaticinio;
Fia sempre scardassato de’ Toschi allo squittinio.
Non è per tal bucato il cencio suo lordissimo.
Mena l’oche a pastura: proverbio antiquaTissimo.
Tomio. Anca nu dei proverbi gh’avemo in abbondanza.
Se dise: la superbia xe fia dell’ignoranza;
No se mesura ì omeni col proprio brazzolar;
Per esser respettai, bisogna respettar;
Travo in nu no se vede, se vede in altri el pelo;
Dei aseni, se dise, la ose no va in cielo.
Coi proverbi toscani vu ne l’ave sonada;
Respondo in venezian. Botta per zuccolada.1

SCENA II.

Don Fazio e detti.

Fazio. Scheavo de vossoria. Ditemi a me no poco:

Torquato dov’è ito? non c’è chiù in chisso loco?
Domanno a chisso, a chillo, nessun no me responne,
Chi chiacchiera, chi chiagne, chi tace e se confonne2.
Tomio. Mi no so gnanca mi cossa de lu sia stà;
Domandèlo a sto sior, che lu lo saverà.

  1. «Botta e risposta. - Render la pariglia»: Boerio, Dizion. del dial. venez.
  2. Leggesi invece nell’ed. Zatta: e chisso se confonne.