Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
156 ATTO SECONDO

Raimondo. Non avete motivo di sospettar di lei.

Costanza. No, caro sior mano, no ve la fè sui dei.1
So qualcossetta, e taso.
Raimondo.  Eh via, siete una pazza.
Costanza. Sarà de mi più savia quella che ne sta in fazza.
Raimondo. Chi?
Rosega.  Siora Dorotea?
Costanza.  Vardè, la l’ha trovada.
Co presto, co pulito che la l’ha indivinada.
Raimondo. Io non so che vi dite.
Rosega.  Gnanca mi no so gnente.
Costanza. Che povero pupillo! che povera innocente!
Donna Rosega cara xe amiga de Zanetta;
Spesso le vedo insieme la vecchia e la fraschetta:
Anca sior Raimondo, da qualche zorno in qua,
Lo vedo più del solito al balcon del mezzà.
Vedo anca mi che questi i xe sospetti in aria;
Ma le povere donne le pensa e le zavaria2.
M’ave fatto parlar, parlar mi no voleva.
Se no me fevi dir, in verità taseva.
Ma za che l’occasion m’ha fatto dir cussì,
Caro mario, disemelo, se sè stuffo de mi.
V’anderò via dai pie; morirò, creperò.
Ma ve vôi troppo ben, cussì no soffrirò.
Compatì, se ve dago sto despiaser al cuor:
Parlo perchè son tocca; parlo per troppo amor.
(parte piangendo)

SCENA IX.

Raimondo e donna Rosega.

Raimondo. Che dite? tutto il giorno mi tormenta così..

Rosega. Poverazza! me vien da pianzer anca a mi.
(piangendo)

  1. Sulle dita. «Farsi facili le cose.»: Cameroni, l. c.
  2. Vaneggiano, impazziscono: V. Boerio.