Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/166

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
160 ATTO TERZO

Biasio. E mi sarave in maschera, che saria più d’un’ora:

Ma Gnese no ha volesto. Giera troppo a bonora.
Zulian. Chi xela mo sta Gnese? qualche vostra parente?
Biasio. No, la xe la mia serva. Una donna valente,
Che per el so paron se farave desfar,
Amorosa, paziente, che de tutto sa far;
E no credessi miga che la fusse avanzada:
La xe zovene e bella. Cussi me l’ho trovada.
Zulian. Son vegnù tante volte da vu, no l’ho mai vista.
Biasio. Vedeu? la xe modesta. No la se mette in vista.
E po la gh’ha da far sempre, mattina e sera:
Ora la fa da cuoga, ora da cameriera.
Da donna de governo, da tutto la xe bona.
Cossa voleu de più? Ela xe la parona.
Zulian. Anca mi ghe n’ho una che, per diana de dia,
Se i me dasse un tesoro, no la barattena.
Ela scuode, ela paga, ela fa alto e basso.
Mi magno, bevo e dormo; vago, se voggio, a spasso;
Ela me fa da mare, la me fa da sorella.
Biasio. Xela mo vecchia assae?
Zulian.  La xe zovene e bella.
Biasio. Anca la mia fa tutto. Lesta co fa una spada;
Quando che leva el sol, sempre la xe levada.
Presto la impizza1 el fogo, la vien dal so paron,
La varda, e se no dormo, la me averze el balcon.
La me scalda pulito le calze e la fanella.
La me porta el caffè, la lo beve anca ella.
Qualche volta magnemo el nostro panimbruo.2
Oh, se ne trova poche de queste al dì d’ancuo.
Zulian. Sentì la mia. Ogni volta, quando che a casa torno,
Incontra la me vien, sia de notte o de zorno.
La me chiappa per man, e po la me despoggia,
E la me senta al fogo. Mo no xela una zoggia?3

  1. Accende.
  2. «Pane a molle nel brodo»: Cameroni, l. c.
  3. Gioiello.