Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/175

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 169

Raimondo. Lo sa che vengo anch’io?

Rosega.  Mo via, no me de man?
Raimondo. Potete andar innanzi; vi seguirò pian pian.
Rosega. Noli se degna el paron de vegnir via con mi?
Co le serve i paroni tutti no fa cussì.
Tanti ghe n’ho servio, e tutti in verità
Per mi, no sta a mi a dirlo, i ha abuo della bontà.
Tutti almanco i me dava delle parole bone;
Ho fatto tante volte suspirar le parone.
Raimondo. Ma non perdiamo il tempo.
Rosega.  De diana! seu in tei fuogo?
No, se no me de man, no andemo in nissun liogo.
Raimondo. (Che sofferenza!) andiamo. (le dà la mano)
Rosega.  No stemio ben cussì?
Col cavalier servente voggio andar anca mi. (partono)

SCENA VI.

Gnese in maschera; poi Anzoletto.

Gnese. Cossa mai vorrà dir, che no vien Anzoletto?

Sola co fa una matta, xe un’ora che l’aspetto.
Figureve sior Biasio, quando che torno a casa.
Ghe farò do scamoffie1, e farò ben che el tasa.
E pò, basta che diga de volerlo lassar;
Subito, se el xe in collera, el fazzo pasentar2.
Anzoletto. Giusto vu ve cercava.
Gnese.  Vardè là che bel sesto!
Parme aspettar un’ora. Gh’avè rason... da resto,
Gnanca no vegnirave.
Anzoletto.  Ve dirò, cara fia,
Me piase devertirme, me piase l’allegria;
Ma prima no tralasso de far i fatti mi.
Gnese. Eh via, che colle donne no se tratta cussì.

  1. Smorfie, moine: v. Boerio.
  2. Chetare: v. Boerio.