Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
170 ATTO TERZO

Donca anca mi doveva, per sta istessa rason,

No vegnir via de casa senza dirlo al paron.
Ma perchè ve vo^i ben, perchè m’avè invidà,
Son vegnua via corando1, e la casa ho impiantà2.
Anzoletto. Cossa dirà sior Biasio?
Gnese.  Che el diga quel ch’el voi.
Za el xe vecchio, gramazzo. Poco viver el pol.
Per sie anni gh’ho fatto una servitù granda;
Ho fatto el fatto mio: gh’ho qualcossa da banda.
Sperava che el morisse; ma se nol vol morir,
Son stufa de sta vita; me voggio devertir.
Anzoletto. Poverazzo! piuttosto domandeghe licenza.
Gnese. Mi no ghe la domando, fina che el gh’ha pazienza.
Ogni dì qualcossetta procuro pelucar.
Sentì, se capitasse, me vorria maridar.
Anzoletto. Oh, ve capiterà.
Gnese.  Gh’ho un bon capitaletto.
Vu no ve maridè? disè, sior Anzoletto?
Anzoletto. Mi, fia mia, ve dirò, me vorria maridar;
Ma gh’ho paura assae, no vorave fallar.
Gnese. Sentì; nissun ne sente. No so se diga mal.
Basta, se devertimo, za xe de carneval.
Xe vero che ho servio; ma perchè son restada
Sotto de una maregna, e giera maltrattada.
De resto siora mare m’avaria maridà
Con uno da par mio.
Anzoletto.  Via, via, questo se sa.
No perdemo più tempo.
Gnese.  Sentì. Per quel che sia...
No so se me capì; mo per diana de dia,
No gh’è nissun che possa dir d’averme tocca
Gnanca un deo d’una man.
Anzoletto.  Brava.
Gnese.  No, in verità.

  1. Correndo.
  2. Abbandonato: v. Boerio.