Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 171

Anzoletto. E sì mo se diseva, che col paron ghe giera...

Gnese. Ve dirò, qualche volta ghe fava bona ciera.
Voleu saver perchè? col cuor in man ve parlo:
El xe vecchio, el xe matto; lo fava per pelarlo.
Adesso l’ho pela; no ghe ne penso più.
E se volè, le penne le spartirò con vu.
Anzoletto. Me piase, putta cara, sti vostri sentimenti;
No vorria colle penne spartir anca i tormenti.
Gnese. Ve chiamare contento, se me tenderè a mi.
Anzoletto. (Oh poveri paroni! le li serve cussì). (da sè)

SCENA VII.

Zanetta e detti.

Zanetta. (Vôi ben veder se el trovo). (da sè)

Gnese.  Chi xe sta mascheretta?
Zanetta. (Per diana che el xe qua).
Anzoletto.  Seu vu, siora Zanetta?
Zanetta. Sior sì, son mi, patron; cussì ve fe aspettar?
Anzoletto. Vegniva in sto momento.
Zanetta.  Andeve a far squartar.
Gnese. Caspita, la ghe fuma!
Zanetta.  Chi ela culìa? (a Anzoletto)
Gnese.  Adasio.
Cossa xe sta culìa?
Anzoletto.  La serva de sior Biasio.
Gnese. Mi no son la so serva. Son la so cameriera.
Zanetta. No seggio chi la xe? un tocco de massera.
Gnese. E vu, siora, chi seu?
Zanetta.  No me cognossè pi?
Mi servo una lustrissima.
Gnese.  Massera co fa mi.
Anzoletto. Putte, quieteve un poco. Per carità, tasè.
Donzelle, cameriere, tutto quel che volè.
Andemo a devertirse, staremo in compagnia.