Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/179

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 173

Gnese, Via, via, no se scaldemo; faremo su e su.1

Zanetta. Mi no crio co nissun; ste cosse no par bon:
Ma el boccon no dovevi torme zo dal piron2.
Gnese. Cossa savevio mi? me vien da sganassar3.
Un zovene me cerca, l’avevio da lassar?
Zanetta. Basta; ti gh’ha rason. Cossa faremio qua?
Gnese. Aspettemo qualcun; qualcun ne leverà.
Zanetta. Vien zente.
Gnese.  Da che banda?
Zanetta.  I vien da quel canton.
Gnese. Oh poveretta mi. Questo xe el mio paron.
Che m’inmaschera presto.
Zanetta.  Me inmaschero anca mi.
Gnese. Avemio fatto pase?
Zanetta.  Oh, tra nualtre? sì.

SCENA IX.

Biasio, Zulian e dette.

Biasio. La xe una cossa granda. Mai più la me l’ha fatta.

Ho paura che Gnese sia deventada matta.
Zulian. La mia no gh’è pericolo che la fazza cussì.
No la va in nissun liogo, se no ghe 'l digo mi.
Biasio. Anca la mia xe stada...
Zulian.  Vardè do mascarette.
Biasio. Quella me par Agnese.
Zulian.  Giusto4 in te le scarpette! (ironico)
Gnese. (Credo che el me cognossa).
Zanetta.  (Mo se sè mascherada).
Gnese. (Zitto, se el me cognosse, ghe fazzo una bulada).
Biasio. Mi la me par...
Zulian.  Eh via.

  1. Far su e su «venire a termine di che che sia, senza scapito o guadagno»: Boerio.
  2. Forchetta.
  3. Vedasi a pag. 161 n. 2.
  4. Proprio, appunto.