Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/185

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 179

Dorotea. No so quel che disè, sè matto da ligar.

(Meggio è che vaga via. No vôi far mormorar). (da sè)
Servitore. Se la vol la padrona...
Dorotea.  No, no me occorre più.
Servitore. Oh za, me l’ho pensada, che l’al voleva lu.
Dorotea. Ma diseme, bel fio! cossa ha dito de mi
La serva de sta casa?
Servitore.  La m’ha dito cussì...

SCENA 11.

Costanza alla finestra, e detti.

Costanza. Titta, chi è quella maschera?

Servitore.  No so... La vaga via.
(piano a Dorotea)
Dorotea. Son intrigada adesso.
Costanza.  No se sa chi la sia?
Chi domandela?
Servitore.  Adesso. Cossa gh’oggio da dir?
(piano a Dorotea)
Dorotea. Che la domando ela. (al servitore)
Servitore.  La la vol reverir. (a Costanza)
Costanza. Me domandela mi, o vorla mio mario?
Dorotea. No le domanda i omeni le donne da par mio.
Costanza. Ela la xe?
Dorotea.  Son mi.
Costanza.  Cara ela, la perdona.
Me domandela mi?
Dorotea.  Se poi vegnir?
Costanza.  Patrona.
Che la resta servida. Compagnèla de su.
(Cossa vol dir? da mi no la xe stada più). (entra)
Servitore. Brava, m’ha piasso assae. El zergo l’ho capio.
Dorotea. Cossa vorressi dir?
Servitore.  M’intendo mi.
Dorotea.  Che fio! (da sè, entra)