Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/189

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 183

So una putta da ben, e per diana de dia.

E siora sì e ste cosse1... Za la vo^i mandar via.
Costanza. Ghe dala parte?
Dorotea. 6Oibò! Mi pratico cussì.
Ghe dago da magnar quello che magno mi.
Certo che no se sguazza, ma le gh’ha el so bisogno.
Perchè... se la savesse... za mi no me vergogno.
No ghe xe mio mario; e chi vive d’intrada,
Se fa, co se sol dir, una vita stentada.
Costanza. Eh, co gh’è el so bisogno.
Dorotea.  Ma sempre noi ghe xe.
Dei dì, se la savesse? pianzerave.
Costanza. Perchè?
Dorotea.  Perchè, co no se scuode, bisogna farla magra.
Da sti dì, senza bezzi! Oh, la xe molto agra!
Costanza. La senta, za che vedo che la gh’ha sta bontà
De confidarse in mi, parlo con libertà:
Se la posso servir, basta che la mel diga.
Dorotea. Cara siora Costanza, vedo che la xe amiga.
Certo, la prima volta che la me vede qua,
Pregarla... darghe incomodo... la xe temerità.
Ma! la me dà coraggio, e mi me lo torrò;
La me esibisce tanto, e mi la pregherò.
Costanza. Far assae mi no posso. Gh’ho qualcossa del mio;
Ma voggio render conto de tutto a mio mario.
Per poco, se ghe basta.
Dorotea.  Sia zecchini.
Costanza.  No so.
Ghel dirò a sior Raimondo.
Dorotea.  No, cara amiga, no.
Che la me fazza ela sto servizio in secreto.
Piuttosto, se la vol, ghe lasso sto anelleto.
Costanza. Sto anello? Lo cognosso. (s’alza)

  1. Reticenza per non proferir parola sconcia o disonesta: Boeno. V. vol. II, 453; VIII, 157 ecc.