Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/191

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 185

Costanza.(Una insolenza tal, par che dar no se possa.

Bisogna che la creda, che mi no lo cognossa). (da sè)
Dorotea. Sentì, siora Costanza. Qua semo tra de nu.
Compatì, cara vecchia, se ve dago del vu.
Sull’onor mio ve zuro: sto anello l’ho comprà.
Zanetta è viva e sana; presto la tornerà.
L’ho abù dalle so man, éla dirà da chi.
Costanza. Ben ben.
Dorotea.  E compatime, no se parla cussì.
Co vegnirà Zanetta, da vu la manderò.
Costanza. Se lo gh’aveva in deo sior Raimondo.
Dorotea.  No so.
Mi l’ho compra, ve digo; e po, per dirve tutto,
Ho perso tutti i bezzi stamattina a Redutto.
E per questo voleva...
Costanza.  Aspettè, vegnì qua;
Sto anello a mio mario che i l’avesse roba?
Dorotea. Se poderave dar.
Costanza.  Se la fusse così...
Dorotea. Oh basta, in sta maniera no se parla con mi.
Favorime el mio anello, siora.
Costanza.  Oh, questo po no.
Che vegna mio mario, e po ve lo darò.
Dorotea. Cossa m’importa a mi, se l’è de so mario?
Che el se tegna l’anello, voggio i mi bezzi indrio.
Costanza. Se parlerà su questo.
Dorotea.  Anderò per Giustizia.
Costanza. (Par, da quel che la dise, che no ghe sia malizia). (da sè)
Dorotea. El mio anello, patrona.
Costanza.  L’anello è in bone man.
Dorotea. Quando me lo dareu?
Costanza.  Ve lo darò doman.
Dorotea. Intanto no gh’ho un soldo, e no so come far.
Costanza. Se volessi un zecchin, ve lo posso imprestar.
Dorotea. Dè qua.