Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/193

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 187

Meneghina. Xe un’ora che sè qua, e aspettè adesso a dirlo?

Beverlo se podeva e anca digerirlo.
Momolo. Vardava se i vegniva. Oe, caffè, una fugazza.
Lassè che varda prima, se gh’ho bezzi che fazza.
Meneghina. Oh che caro minchion! la sarave ben bella,
Che in maschera vegnissi senza bezzi in scarsella!
Momolo. Basteralo un daotto?1
Meneghina.  Eh! no i fa, no, no i fa.
Momolo. Donca li metto via.
Meneghina.  Lasse veder. De qua.
Momolo. Contèli, se i xe giusti.
Meneghina.  Li togo per contai.
Questi li metto via, per tanti sparagnai.
Momolo. Dèmeli, siora.
Meneghina.  Oh caro! No i spendevi per mi?
Me li ho messi in scarsella. Gh’ho più gusto cussì.
Momolo. Che drettona che sè!
Meneghina.  Li voleu? aspetteli.
Momolo. Co se tratta de bezzi, ve piase anca i puteli.
Meneghina. Eh via, che no ve bado.
Momolo.  El mio daotto, siora.
Meneghina. Oh, vien sior Anzoletto. I altri no i vien gnancora?

SCENA V.

Anzoletto e detti.

Anzoletto. Coss’è, i v’ha lassa sola?

Meneghina.  Cossa diseu? sior sì.
Momolo. No la xe miga sola; la xe stada con mi.
Anzoletto. Ti te metti in dozzena?2
Meneghina.  Ne vero? che pissotto!
Momolo. Vardè là che pettegola! la m’ha magnà un daotto.

  1. Otto soldi veneti: Boerio e vol. I, 198, n. l.
  2. Affratellarsi, unirsi in mazzo: V. Boerio.