Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/194

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
188 ATTO QUARTO

Meneghina. Oh sì, grasso quel dindio!1

Momolo.  Intanto...
Anzoletto.  Tasi là.
(a Momolo)
Voleu che andemo a spasso? voleu che stemo qua?
(a Meneghina)
Meneghina. Fazzo quel che volè; anca un poco aspettemo.
E pò, se no le vien...
Anzoletto.  Se no le vien, andemo.
Momolo. Vôi vegnir anca mi.
Anzoletto.  No voggio puttelezzi.
Sta da quel che ti xe.
Momolo.  Vôi magnar i mi bezzi.
Meneghina. Vele qua, vele qua.
Anzoletto.  Oe, chi gh’ale? chi xeli?
Meneghina. Sior Biasio!
Anzoletto.  Sior Zulian! oh che vecchiazzi! oh beli!

SCENA VI.

Gnese, Zanetta, sior Biasio, sior Zulian e detti.

Zanetta. Vegnì, vegnì, patroni, non abbiè suggizion.

Zulian. Ghe xe dell’altra zente.
Biasio.  Qua no paremo bon2.
Gnese. Eh, che l’è un galantomo, n’importa, vegnì via.
(a Biasio)
Biasio. Lo cognosseu quel zovene? (a Gnese)
Gnese.  Oh, mi no so chi el sia.
Biasio. Vorave e no vorave...
Zulian.  No so...
Anzoletto.  Patrone belle,
Che le resta servide; me rallegro con elle.
Gnese. Lo cognosseu? (a Zanetta)

  1. V. atto II, sc. 9, p. 157.
  2. Non facciamo bella figura.