Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/196

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
190 ATTO QUARTO

Biasio. Xestu qualche signor?

Momolo.  Ho speso el mio daotto.
Anzoletto. Eh, lassè far a mi. Oe; caffè, buzzolai1.
Putti, vegnì a servir. Bevemolo sentai.
(Vengono uomini del caffè, danno le sedie, e tutti siedono.)
Mi me senterò qua. (siede in mezzo)
Gnese.  E mi farò cussì.
(siede presso Anzoletto)
Biasio. E mi arante de vu. (siede presso a Gnese)
Zanetta.  Qua me senterò mi.
(siede presso Anzoletto)
Zulian. E mi starò vesin alla mia mascheretta.
(siede presso Zanetta)
Anca vu vegnì qua; senteve qua, caretta. (a Meneghina)
Meneghina. Sior sì. (Me tocca ben uno che no pol più). (da sè)
Zulian. Mi me piase, co posso, star tra la zoventù.
Momolo. E mi?
Zulian.  Va via de qua.
Momolo.  Vo^i bever el caffè.
Ho speso el mio daotto, che bisogno ghe xe?
Biasio. Va via de qua, te digo. Con nu no ti par bon.
Momolo. Via, sior, cossa ve fazzio? stago qua in t’un canton.
(portano il caffè e buzzolai a tutti)
Biasio. Tolè, cara Agnesina. (le dà un huzzolà)
Gnese.  Grazie, sior paronzin.
Lo magno per amor del mio caro vesin2.
(urtando Anzoletto)
Biasio. (Mo che gran bona donna!)
Zulian.  Tolè annca questo, fia.
(dà un buzzolà a Zanetta)
Zanetta. La ringrazio; me piase tanto sta compagnia.
(urtando Anzoletto)

  1. Ciambelle, paste dolci: v. Boerio e Rossi (glossario in fine all’ed. cit. delle Lettere del Calmo).
  2. Vicino.