Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1912, XIV.djvu/356

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
348


Deggio altresì con mio estremo cordoglio piangere nuovamente in quest’occasione la dolorosa perdita che ha fatto il Mondo della ornatissima Illustre Dama a cui ebbi l’onore di dedicare la Commedia stessa, ed io che fui testimonio di vista degl’infiniti suoi pregi, posso asserire con mille altri, che la perdita è grande e degna del comun pianto. Non ho voluto per altro defraudare i miei Tomi di un sì rimarchevole fregio, poichè anche estinta, basta l’onorata memoria di una sì amabile Protettrice a decorare colui che può vantarsi di aver goduto la di Lei protezione, e di aver conosciuto sì da vicino il vero modello di una gran Dama, dotta, virtuosa e gentile.