Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1912, XIV.djvu/362

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
354 ATTO PRIMO

Pone l’amor sovente alla ragione il velo.

Sempre sarà il migliore quel che destina il cielo.
Luigia. Chi viene a questa volta?
Placida.  Don Fausto, il mio legale.
Che vi par dall’aspetto?
Luigia.  Mi par non vi sia male.
Placida. Spero che gli altri due verranno parimenti
A consolarsi meco ch’io son co’ miei parenti.
Andate, ed attendete ch’io ve ne ceda alcuno.
Luigia. (Temo non sia disposta a cedermi nessuno).
(da sè, e parte)

SCENA II.

Donna Placida, poi don Fausto.

Placida. Ha voglia di marito; da ridere mi viene:

Povera mia sorella, è stanca di star bene.
Fausto. Servo di donna Placida.
Placida.  Don Fausto riverito.
(Eccolo, sempre lindo e sempre mai compito). (da sè)
Fausto. Godo vedervi escita da quei recinti avari
A vivere contenta fra i vostri patrii lari.
Merita ben chi unito ha il senno alla bellezza,
Nuotar felicemente nel mar di contentezza.
Placida. Vostra mercè, signore, dagli avidi cognati
I frutti della dote abbiam ricuperati.
Fausto. Astrea ragion vi fece, e prospera vi fu.
Ha vinto il vostro merito, non già la mia virtù.
Placida. Eh, il mio dottore amabile, questa signora Astrea
Da pochi si conosce per arbitra e per dea.
Se usata non aveste per me l’arte e l’ingegno,
Escita non sarei sì facil dall’impegno.
Fausto. Vantar soverchiamente il mio valor non uso,
Ma pur gli encomi vostri non sdegno e non ricuso;