Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


So che al festin se stada assae dopo de mi.

Felice. Se ghe son stada? e come! ho balla fin a dì.
Marinetta. Sarè stracca. Sentève (0.)
Felice. Sentemose un pochette.
Marinetta. Disème: aveu dormio?
Felice. No ho gnanca tocca letto.
Cussi co me vede, a casa son andada.
Mio mario ronchizava (2), e mi me l’ho sbignada (3).
Marinetta. Gh’avere sonno.
Felice. Gnente. Mi no son scamoffiosa (4).
Tornerave a ballar fresca co fa una nosa.
Marinetta. Anca mi saria stada fina al fin della festa.
Ma savè che a sior’ àmia ghe doleva la testa.
Son vegnua via per eia.
Felice. Dormela? cossa fala?
Marinetta. La xe in te la so camera, che la se mette in gala.
Felice. Oh che cara Silvestia! la xe una maraveggia.
Perchè no stala a casa? nissun no la conseggia?
Toccaria a so fradello a farghe far giudizio.
Marinetta Gramo elo se el parla! Nasseria un precipizio.
Felice. L’aveu vista gier sera sta vecchia stomegosa,
Che co sior Ferdinando la fava la grèiziosa?
Marinetta, Se l’ho vista? ve zuro, che me vegniva mal.
Felice. La zente se n’ha incorto (3); i ha fatto un carneval.
E quel caro foresto la toleva per man.
Marinetta. Certo sior Ferdinando xe un bravo cortesan (6).
El fa el bello con tutte. Con tutte el xe el medemo.
Ma se me salta in testa, voggio che lo burlemo.
Felice. Sì, per diana de dia (7). Burlemolo un pochetto.
Femo co sto foresto un tantin de chiassetto.
Za xe de carneval, se se poi devertir.
Basta far cose oneste, che no daga da dir.
(1) Sedetevi. (2) Russava. (3) Vol. V, 122, n. a. (4) Smorfiosa, schizzinosa:
V. i vocabolari del Patriarchi e del Boario. (5) Incorzerse, accorgersi. (6) Cortesan, uomo
di spirito, uomo di mondo •: Boerio. (7) Vol. XII, 208, 441; XIII 333 ecc.