Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Marinetta. Scrivemoghe una lettera piena de tenerezze.

Lodando el so gran merito, la grazia e le bellezze.
Senza che el sappia gnente la donna chi la xe.
La lettera bollada mandemola al caffè.
Lassemo che el ghe pensa, che el traga a indivinar;
E dopo inmascheremose e andemolo a burlar.
Felice. Sì ben. Bisognerave far qualcossa de più.
Far creder spasemada per elo una de nu,
Tegnirlo un bon pezzetto su le bacchette (’), e pò
Far che el se scoverzisse burla da tutte do.
Marinetta. Lassème far a mi. No ve indubitè gnente.
Vago a scriver la lettera.
Felice. Me par che vegna zente.
Marinetta. Fermève qua. Felice. Subito vago, e vegno.
Gh’ho un’altra cossa in testa. Se riderà, m’impegno.
(parte)

SCENA IV.

Siora Felice, poi Tonina.

Felice. Certo, che Marinetta la xe una cara mata.

Voi che se la godemo.
Tonina. Vorla la cioccolata?
Felice. Sì ben, cussi de drento me scalderò un pochetto.
Tonina. La prego a perdonar, cossa fa sior Zanetto?
Felice. Mio mario?
Tonina. Siora sì. Stalo ben?
Felice. El sta ben.
Lo cognosseu?
Tonina. No vorla? xe un pezzo che noi vien.
Mo via, che la ghe diga, che el ne vegna a cattar (2).
El xe el più caro matto, che se possa trovar.
(!) « In isperanza ^’i Cameroni. Tener alcuno sospeso, per gabbarsi di lui: v. Boerio.
(2) A trovare, a visitare.