Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/125

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Marinetta. Ca de diana (’), che no voi sti musoni.

Tonina. (Se sta siora me stuzzega!) (da sè)
Marinetta. Cos’ è sti brontoloni?
Felice. Eh, lasse che la diga.
Marinetta. Mandè via quella lettera.
Tonina. (Vói che la me la paga sta signora etecetera).
(parte)

SCENA VI.

Siora Marinetta e siora Felice.

Marinetta. Cossa diavolo gh’ ala?

Felice. Senti che strambaria;
La crede che de eia mi gh’abbia zelusia.
Mio mario xe un mattazzo, ghe piase de burlar,
E sta sporca la crede de farlo innamorar;
Sentì, per causa vostra ho sopporta e ridesto.
L’ho traddada da matta, no gh’ho bada; da resto...
Marinetta. Cara vu, compatila. Orsù, ho fatto pulito (2).
Ma che boccon de lettera, che a Ferdinando ho scritto!
Ma perchè el mio carattere no dasse qualche indizio.
Ho fatto che sior’àmia (3) me fazza sto servizio.
Ella che me vuol ben, senza difficoltà
La m’ha scritto la lettera, come mi gh’ho detta.
Se sentissi che roba! che amori, che parole!
M’impegno, col la leze, el va in acqua de viole (4).
E per meggio burlarlo, sentì quel che ho pensa:
Gh’ho scritto che l’incognita in maschera anderà;
E acciò che el la cognossa senza nissun sospetto.
La gh’averà un galan (5) color de riosa al petto.
Femo cussi. Felice, per farlo taroccar;
Con un galan compagno andemo a spàzzizar (6).
(I) Vol. VIII. 115. 120. 156. (2) V. scena I. (3) Zia. V. scena I. (4). Andrà
in estasi »: Cameroni (5) Nastro. Vol. II, 460. (6) Spasaizar, andare a spasso Vol. VII.
395; VIII, 191 ecc.