Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Veli qua tutti do. Pontèmoseli al sen.

Voi che femo la scena, come che va.
Felice. Sì ben.
(sf puntano il nastro al petto)

SCENA VII.

Sfora Lucietta, siora BETTINA e dette.

Lucrezia. Ghe xe nissun?

Felice. Sentì. (a Marinella)
Marinetta. Oh per diana de dia,
Xe qua siora Lucietta co Bettina so fia.
Felice. Mo za, la fia e la mare tutto el zorno a rondon (’).
Marinetta. Vegnì avanti, Lucietta.
Felice. E sì no le par bon (2).
Lucietta. Patrona. (a Marmetta)
Marinetta. Oh oh patrone. Che bon vento?
Bettina. Patrona.
(a Marinetta)
Marinetta. Patrona, fia. (a Bettina)
Felice. Patrone. (a Lucietta e Bettina)
Lucietta. Oh qua la xe? Patrona, (a Felice (3)
Marinetta. Sè in maschera a bon’ora.
Lucietta. Cossa diseu? mia fia
La dise che debotto el carneval va via.
St’anno el xe tanto curto...
Bettina. L’è debotto fenio.
Se no se ne tolemo...
Lucietta. E mi ghe vago drio.
Marinetta. Sentève.
Bettina. Eh, no son stracca.
Felice. Ave tanto balla.
Bettina. Ballerave anca adesso.
(I) In giro. Vol. Il, 419, n. e. (2) V. scena I. (3) Ed. Pitten: a Felicita.