Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Bettina. La diga, xela andada

Gnancora alla commedia?
Felice. Sì ben, che ghe son stada.
Lucietta. Che commedia aveu visto?
Felice. No so, no ho capio.
So che no la m’ha piasso, e per questo ho dormio.
Bettina. Non la giera da rider?
Felice. Gnente, fia mia, ma gnente.
Mi no so come diavolo ghe fusse tanta zente.
No se sentiva altro che a zemer e a criar (I)
Diavoli co la barba, che fava inspiritar.
M’ha fatto un imbriago rider un pochettin.
Ma mi za no gh’ho gusto, co no gh’ è Truffaldin.
Bettina. E mi son stada a quella de quei do brutti nasi.
No la m’ ha piasso un bezzo.
Lucetta. Se in palco no ti tasi!
Come t’ala da piaser, se ti fa sempre chiasso?
Bettina. Mi, siora, alla commedia vago per aver spasso.
Cossa m’importa a mi, che i altri diga evviva?
Mi co no rido assae, digo che l’è cattiva.
Lucietta. Ti ha pur ridesto a quella delle contradizion (2).
Bettina. Mo se ho ridesto a quella, ho abìi le mie rason.
Senrindo a contradir le cosse cussi chiare,
Me pareva sentir sior pare e siora mare.
Lucietta. Vare là che frascona! cussi ti parli? e ti
No ti sa contradir?
Bettina. Rideva anche de mi.
Felice. Certo l’ho sentìo a dir; tutti i nostri difetti
1 li mette in teatro. Vardè che maledetti!
Lucrezia. Sì ben, co la commedia del ricco insidiato (3),
Che diavolo no hai dito, che diavolo no hai fato?
Basta, me xe sta dito de una mare e una lìa...
(I) Gemere e gridare. (2) Allude argutamente il Goldoni alla sua commedia intitolata
Lo spirito di conlradizione (vedi vol. XV della presente edizione). (3) Allude il Goldoni
alla commedia intitolata Il ricco insidiato, che precede a questa delle Morbinose.