Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Silvestra. No me volè, frascona? Vegnirè un’altra volta

A far che mi ve scriva le lettere.
Marinetta. L’ascolta....
Mo no la vaga in collera. Sior’amia, la sia bona.
Silvestra. Coi galanetti sguardi?
Marinetta. Vorla? la xe patrona.
Silvestra. Sì, sì, gnanca per questo... via, pontemelo al sen.
Marinetta. Subito, volentiera.
Silvestra. Vardè mo; staghio ben?
Marinetta. Pulito.
Felice. (Marinetta, e vu?)
Marinetta. (Andemo de là.)
Gh’ho dell’altra cordella, e subito el se fa).
Silvestra. Tomeu presto?
Marinetta. No vorla? che bisogno ghe xe?
Silvestra. Via, tome, che anderemo a bever el caffè.
Marinetta. Dove?
Silvestra. Al solito logo.
Marinetta. Stamattina mi no.
El beveremo a casa.
Silvestra. Basta, ghe penserò.
Marinetta. Oh patrona, sior’amia.
Silvestra. Va via, va via, bandiera (’).
Felice. Siora Silvestra, a bon reverirla stassera.
Silvestra. Oh, alla festa no manco. Gieri col forestier
Ho fatto un ballo solo. Stassera almanco un per (2).
Felice. (La voi che i la minchiona, vardè se la xe matta.)
Se poi dar de sta vecchia? e pur se ghe ne catta).
(parte)
Marinetta. (Bisogna che dissimula, e che ghe daga drio (3),
Perchè la fazzo far, co voggio, a modo mio.
Mia amia, poverazza, debotto no poi pi;
Ma del morbin in testa la ghe n’ha più de mi), (parte)
(1) « Donna sconsiderata, leggiera »: Cameroni. V. Boerio. (2) Un paio. (3) Dar
drio, assecondare; Patriarchi e Boerio.