Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/147

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Silvestra. No ghe voi far un torto, cognosso el so buon cuor.

Ferdinando. Vuol che l’ordini adunque?
Silvestra. La me farà favor.
Ferdinando. Caffettiere.
Nicolò. Comandi.
Ferdinando. Un caffè.
Nicolò. Patron mio,
Co l’averò porta, me lo darala indrio (’)?
Ferdinando. Spicciati, impertinente, porta il caffè.
Nicolò. (Da putto,)
Ghe fazzo boggier (2) quello con el zucchero e tutto).
(da sè, e parie)
Ferdinando. (Almen, se non mi burla, in volto la vedrò).
Silvestra. Ho caminà. Son stracca.
Ferdinando. Sieda.
Silvestra. Me senterò.
Che el se senta anca elo, che da giersera in qua
Noi poi esser che basta gnancora destraccà (3).
Ferdinando. E ver, fui sul festino. Ci foste voi?
Silvestra. Sior sì.
Ferdinando. Ho ballato di molto.
Silvestra. L’ha balla anca con mi.
Ferdinando. Ho ballato con tutte.
Silvestra. L’ha fatto ben, xe giusto;
Ma me par che con mi l’abbia balla de gusto.
Ferdinando. Posso saper chi siete?
Silvestra. Che el l’indivina mo.
Ferdinando. Mi confondon le maschere; indovinar non so.
E quello che confondere mi fa più d’ogni cosa,
E quel nastro incarnato, o sia color di rosa.
Silvestra. Sto galan ghe fa spezie (4)?
Ferdinando. Certo, perchè un viglietto
Dissemi, che l’avrebbe chi mi vuol bene, in petto.
(I) Indietro. (2) Bollire. (3) Riposato: v. Patriarchi e Boerìo. (4) Le (a ma-)
raviglia? o Cameroni, I. e.