Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Tonina. Vardè che gran cazzada! ( ’ )

No vago col mio ben fora de carizada. (2)
Lo amo, come sei fusse mio pare o mio fradelo.
E se gh’avesse un stato, ghe Io darave a elo.
Zanetto. (Per dir la verità, me piase sto musetto). (da sè)
Tonina. (No ghe ne dago un bezzo. Lo fazzo per despetto).
Zanetto. Vegniria qualche volta, ma ho suggizion.
Tonina. De chi?
In sta casa, fio caro, fazzo quel che voi mi.
Sior Luca xe el patron; ma el xe vecchio, el xe sordo.
Che el ghe sia qualche volta, gnanca non m’arecordo.
So sorella xe sempia, pezo de una putela.
La zovene no parla, la xe alliegra anca eia.
Podè senza riguardi vegnir liberamente;
Se vegnirè a trovarme, staremo allegramente.
Zanetto. Certo che qualche volta gh’ ho bisogno anca mi
De devertirme un poco. Sfadigo tutto el dì.
Tonina. E la muggier a torzio (3).
Zanetto. E la muggier a spasso.
Tonina. El mano se sfadiga, e la muggier fa chiasso.
Ai teatri, ai festini. La butta via, la zoga,
La xe una morbinosa, ma! de tacco ti boga (4).
Zanetto. E se mezzo ducato anca mi butto via,
El diavolo ghel dise, e subito la cria.
Tonina. No soffrirla ste cosse gnanca un omo de stucco,
In verità dasseno, che se (5) un gran mamalucco.
Zanetto. E tocca via (6) con questa.
Tonina. Ve parlo per amor.
Proprio, quando ve vedo, se me consola el cuor.
Zanetto. Ma se me volè ben, e se ve de sto vanto.
Lassar no poderessi de strapazzante tanto?
Tonina. No posso far de manco, cossa voleu che fazza?
(1) Che gran faccenda I che gran cosai Cazzada, ciancia, frascheria, cosa di poco valore.
V. Patriarchi e Boerio. (2) Più comune carezzada, carreggiata. (3) A zonzo, in giro.
(4) « Di prima riga »: Cameroni, 1. e. Il punto ammirativo dopo ma è forse un errore tipografico. (5) L’ed. Zatta corresse: chel xe ecc. (6) E dalli ecc.