Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Zanetto. Via, via, non andè in collera; sarà quel che sarà, (siede)

Tonina. Magne, scaldeve el stomego.
Zanetto. Prezioso in verità.
Tonina. (Pagherave un da trenta (’), che so muggier vegnisse,
E a so marzo despetto che la se inzelusisse).
Zanetto. Vien zente.
Tonina. Stè pur saldo. Non abbiè suggizion.
Zanetto. Cossa voleu che i diga?
Tonina. Mo sè un gran bemardon.
Zanetto. Tonina, co sto amor...
Tonina. Magne, magne, Zanetto.
Saveu chi xe?
Zanetto. Me par...
Tonina. El xe sior Bortoletto.
Zanetto. Bortolo? me despiase. Stemo de casa in fazza.

SCENA li.

Bortolo e detti.

Bortolo. Se poi vegnir?

Tonina. La vegna.
Bortolo. Nane? bon prò ve fazza.
Zanetto. Cossa diseu, compare? se volè, sè paron.
I ha voleste per forza...
Bortolo. Non abbiè suggizion.
Magne pur. 1 m’ha ditto, che qua ghe xe Bettina.
Xe vero? (o Tonino)
Tonina. La ghe giera, ma de prima mattina.
Bortolo. E adesso saveu gnente in dove che la sia?
Tonina. Mi no lo so dasseno. La giera in compagnia
Co so mare, le ho viste tutte do inmascherae.
Vatela a catta ti (2), dove che le xe andae.
(1) Moneta del valore di 30 soldi veneti, detta anche lirazza: v. vol. Il, 563 e VIII,
129. (2) « Vallo a pesca, indovinalo»: Cameroni. « Va a pensare dov’ella sia o si trovi »;
Boerio.