Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCENA III.

Sior Luca e detti.

Luca. Tonina.

Zanetto. Oe, sior Luca.
Bortolo. Voleu che andemo?
Tonina. Eh gnente.
Zanetto. Almanco respondeghe.
Tonina. L ’ è sordo; noi ghe sente.
Luca. Tonina.
Zanetto. Andemo via.
Tonina. Stè là, no ve move.
Za se volè andar via, per forza l’ incontrè.
Zanetto. No vorria...
Tonina. Pampalugo.
Bortolo. La civiltà.
Tonina. Minchion...
Bortolo. E se el paron ne cria?
Tonina. Che el cria, che el xe paron.
Luca. Gh’è nissun in sta casa?... Veh veh! schiavo, patroni.
Chi èi sti siori? (a Tonina)
Tonina. Do amici. (forte)
Luca. Cossa?
Tonina. ^ Do amici boni, (più forte)
Luca. No i cognosso. Chi xeli? (si mette gli occhiali)
Tonina. Sior Bortolo Lavagna, (forte)
E sior Zanetto Trigoli.
Luca. Sior Bortolo che magna?
Vedo anca mi che el magna.
Bortolo. La prego a perdonar.
Luca. Come?
Bortolo. Ghe domando perdon (0. (forte)
Luca. Cossa xe sto zigar (2)?
Tonina.
(I) Così il lesto. Cameionì, I. e, corresse: • L. Come? B. Mi ghe domando... L. Cossa
xe ecc. ». (2) Urlare.