Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Tonina. Cossa vorla?

Luca. Chi li ha fatti vegnir?
Tonina. ^a vece hìa. (forte)
Luca. Chi?
Tonina. La vecchia. (più forte)
Luca. Perchè?
Tonina. No ghe! so dir.
Luca. Cossa?
Tonina. (Pustu (1) crepar; me averzo (2), e noi me sente).
(da sè)
Luca. Marina dove xela?
Tonina. No so.
Luca. Che?
Tonina. No so gnente. (forte)
Zanetto. La perdona, sior Luca, la troppa confidenza.
Veramente, el confesso. Tè stada un’insolenza.
Cercava mia muggier, so che la giera qua;
I m’ha dà da marenda, e mi no ho reffudà.
Luca. Se m’ ha cala in sta recchia sta notte una flussion.
De qua ghe sento poco. La prego de perdon.
Zanetto. Amigo, parie vu donca, dall’altra banda.
Bortolo. Certo s’avemo tolto una libertà granda.
Ma se sa che sior Luca xe un omo tutto cuor.
Che tutti i boni amici el tratta con amor.
De carneval xe lecito torse ste libertà.
Amigo, a quel che vedo, l’ è sordo anca de qua.
(parla cori Luca, e Luca seguita a guardare Zanetto, non sen-)
tendo Bortolo.
Luca. Xela eia che parla? (a Zanetto)
Zanetto. Per mi non ho zittio.
Xe quello là che parla. (accenna colla mano)
Luca. Oh, el gh’aveva da drio.
(voltandosi vede Bortolo)
(1) Possa tu. (2) Mi apro il petto dal gridare, V. Patriarchi e Boerio.