Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCENA IV.

Marinetta, siora Felice e detti.

Marinetta. Bon prò fazza, patroni. Se disna, o se marenda?

Felice. Sior mario, come vaia? cosa xe sta faccenda?
Zanetto. Se no fussimo qua, qualcossa ve dirave.
No ve basta de andar, me porte via le chiave?
Felice. Vardè che gran faccenda! Oh povero putello I
La mamma è andada via senza darghe el cestello.
Zanetto. La me burla, patrona? (s’alza)
Marinetta. Vu burle sior Zanetto?
Se tase, e a so mario se ghe porta respetto.
El xe un omo, e coi omeni no se tratta cussi,
E no se va a ziron tutta la notte e el dì.
Mi ghe conterò tutto. Sentì, sior, vegnì qua.
(mostra di gridare a Felice, e fa che si accosti Zanella, a cui)
dice piarìo:
Netteve, che se sporco i lavri da stuffà).
Zanetto. (Va a pulirsi la bocca.)
Felice. Mo ti xe una gran matta! (a Marinetta, ridendo)
Marinetta. Gh’astu paura? (a Felice)
Felice. Gnente. (a Marinetta)
Zanetto. Sta vita no la voggio certo assolutamente.
Marinetta. El gh’ha rason, sta vita no la se poi durar.
Vu tutto el zorno a spasso, e elo in casa a scassar (0?)
Siora no, no va ben; se ghe dise cussi:
Mario, se me diverto, divertite anca ti.
Vustu vegnir a spasso, vustu che se godemo?
Mettite su el tabarro, tiò la bauta e andemo.
Quando ti vien con mi, ti me consoH tanto.
Ma pò, se no ti voi, vissere mie, t’impianto.
Zanetto. Brava, siora Marina, brava da galantomo.
Felice. Eh, mio mano xe bon.
Marinetta. Vostro mario xe un omo.
(1) Cullare, dimenar la cuna: v. Patriarchi e Boerio.