Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/170

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


So che ve ne accorgeste. Ne credevi capace.

In mercè della stima, di essere mendace.
Signora, ad ispiegarvi l’onestà vostra impegno.
Se burlaste, pazienza; per questo io non mi sdegno.
Dono all’età ridente lo scherzo menzognero;
Ma per pietà, vi prego, non mi celate il vero.
Marinetta. Che el vaga a dir ste cosse a quella dall’anelo.
Ferdinando. Non mi mortificate. La verità vi svelo.
Parvemi conveniente sì piccolo tributo
A figlia cui sembrava l’anello esser piaciuto.
Ma da’ miei labbri intesero, se ho dell’amor per essa.
La madre mascherata e la fanciulla istessa.
Ambe da voi sfidate a dir la verità.
Dicano se di voi lodata ho la beltà.
E se il merito vostro in faccia lor vantato.
Mi fè’ dal loro sdegno schernito e strapazzato.
Voi siete quella sola che in città sì famosa
Apparve agli occhi miei più amabile e vezzosa.
E se del vostro affetto posso sperare il dono,
Sull’onor mio, vel giuro, lieto e felice io sono.
Marinetta. Sento a mover i piatti, xe ora de disnar.
La vaga in quella camera, la se vaga a scaldar.
Ferdinando. Così mi rispondete?
Marinetta. Vorlo andar? (con impazienja)
Ferdinando. Non gridate.
Anderò, mia signora, senza che mi mandiate.
(Mi piace, è figlia sola, ha delle facoltà.)
Farmi di non spiacerle, voglio sperar. Chi sa?) (parte)
Marinetta. Ah, sto sior Ferdinando el xe suttilo (’) e fin.
No vorria incocalirme (2), e perder el morbin.
Vardè, quando che i dise; per quanto che sia esperta.
Per quanto che abbia fatto, la burla è descoverta.
De sta sorte de burle no ghe ne fazzo pi.
Se troppo andemo avanti, togo de mezzo mi.
(I) Sottile. (2) Initapidirmi, e quindi innamorarmi. Da cocal. V. Boerio.