Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/179

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Felice. Mo no xela da rider.

Marinetta. (Vardo, che noi se veda).
(a Felice)
Felice. (E1 deve far qualcossa. Lassemo che lai creda).
(a MarintUa)
Bettina. Se vien sto foresder, andemo via.
Lucietta. Perchè?
Se el vien, lassa che el vegna. Che bisogno ghe xe?
Quel sior 1 è giusto bon per una vecchia matta.
Uno pezo de elo, no credo che se catta (’).
Mari NETTA. Come parleu, Lucietta?

SCENA V.

Ferdinando e dette.

Ferdinando. ( Vedendo le due ortolanelle, resta in disparte.)

Lucietta. Digo la verità.
Noi gh’ha sior Ferdinando gnente de civiltà.
Bettina. La gh’ha rason mia mare.
Felice. Mo perchè, poverazzo?
Bettina. Perchè noi sa el trattar.
Lucrezia. El xe proprio un boazzo (2).
Marinetta. V’alo fatto qualcossa?
Felice. (Oh che gusto! El le sente).
(avendo veduto Ferdinando)
Disè, disè, contène.
Lucrezia. No, noi m’ha fatto gnente.
Felice. Ma pur?
Marinetta. Siora Lucietta, quando lo strapazzè.
Co disè tanto mal, qualche rason ghe xe.
Felice. I disc pur che el sia un signor da Milan.
Lucrezia. Oh oh, un signor! Chi sa che noi sia un zaratan (3)?
(I) Che si trovi. (2) Buaccio, vale a dire sciocco o anche incivile: v. Boerio.
« Materialaccio, somaraccio »: VII, 469 e VIII, 137. (3) Ciarlatano.