Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/186

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Silvestra. Per mi son una putta savia, onesta e da ben.

Marinetta. La lassa che mi diga. A eia no convien.
Sior’ amia che ve parla, gh’ha parenti onorati.
La gh’averà de dota cinquemile ducati.
Tutti bezzi investii, ne vero? (a Silvestro)
Silvestra. Mi noi so.
Marinetta. Quando che mi lo digo, ghe lo mantegnirò.
La xe ben educada, e sora quell’articolo
In materia d’onor... (con caldo)
Silvestra. Oh, no ghe xe pericolo.
Marinetta. La sarà per el sposo tutta amor, tutta fede.
La condizion xe onesta. Circa all’età, se vede.
Silvestra. Vintisette fenii.
Ferdinando. Sì, mia signora, ho inteso.
Contento, contentissimo il vostro dir mi ha reso.
Spero la signor’amia condur meco in Milan.
Silvestra. Fenimo de disnar, e demose la man.
Felice. Brava, Marina, brava; sè una putta valente.
Marinetta. (Digo, m’ oi porta ben in mezzo a tanta zente?)
(a Felice)
Felice. (Pulito). (a Marinella)
Lucrezia. Aveu fenio gnancora sti sempiezzi?
Silvestra. Povera sempia vu!
Lucrezia. (Questa la vai tre bezzi), (da sè)

SCENA vili.

Tonina e detti.

Tonina.+ Oe, oe, siora parona. (correndo) Silvestra.+ Cossa xe sto fracasso? Marinetta.+ Cossa xe sta, Tonina? Tonina.+ El paron vien da basso. Marinetta.+ No gierelo andà in letto? Silvestra.+ El vien zo mio fradello. Tonina.+ Siora sì, e el voi vegnir a magnèu: in tinello. }}