Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/187

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Marinetta. Salo che ghe xe zente?

Tonina. Gnancora noi lo sa.
Silvestra. No voi che el sappia gnente, andemo via de qua.
Marinetta. Dove vorla che andemo? No podemo scampar.
Che ghe sia zente in casa, s’alo da lamentar?
Quel che ghe poi despiaser al povero vecchietto,
Xe che senza de lu s’ha fatto un disnaretto.
No la credesse mai, che l’avessimo fatto (a Ferdinando)
Per sprezzar mio sior pare, e farghe sto maltratto.
Ma el xe vecchio, el xe sordo, debotto noi poi più.
Silvestra. No se salo? Sti vecchi no i gh’ha da star con nu.
Tonina. El vien zo da la scala. (a Marinella)
Marinetta. Presto, senza parole,
Destrighè sto tinello, e porte via ste tole. (ai servilorì)
E acciò che noi se immagina che s’ha dà da disnar,
Buttemola in t’un ballo, mettemose a ballar.
Ghe xe do servitori che sona el chitarrin.
Troveremo qualcun che sonerà el violin.
Dei strumenti da nu no ghe ne manca mai;
Squasi ogni dì se balla, i è de là parecchiai.
Sior pare anderà via, col vede che se baia.
Vago e vegno in t’un salto, fina che el fa la scala.
(parie)

SCENA IX.

I suddetti, poi Zanetto.

Silvestra. Anca mi voi ballar col mio bel novizetto.

Zanetto. Patroni reveriti.
Felice. Bravo, bravo, Zanetto.
Sè vegnìi un poco tardi.
Zanetto. La diga, cara siora.
Quando se vien a casa? No ghe par che sia ora?
(a siora Felice)
Felice. Seu vegnìi per criar?