Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/195

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Silvestra. Diseghe a mio fradello che el vegna qua da nu.

(a Tonina)
Felice. Usèghe sto rispetto, andè a dirghelo vu.
Silvestra. Felice, disè ben; el poi esser mio pare. (si alza)
Co fazzo un fantolin, voi che siè mia comare.
(parte)
Lucietta. Diseme, creature, xela la verità?
Felice. Bisognerave ben che el fusse desperà.
Ferdinando. Se fossi un ciarlatano, signora mia garbata.
Per un casotto in Piazza forse l’avrei pigliata.
Lucietta. Mo via, caro patron, so che l’ho ditta grossa;
Ma anca elo de mi l’ha abuo da dir qualcossa.
Bettina. E de mi?
Ferdinando. Chiedo scusa, se troppo mi avanzai.
Lucietta. Semo tutti dal pari, semo belli e scusai.
Cossa xe sta commedia? contème, cara vu.
Felice. La commedia è fenia; no la se slonga più.
N’ha piasse un pochettin burlar quella vecchietta.
Sior Ferdinando Astolfì sposerà Marinetta.
Bettina. Dasseno? me consolo.
Lucetta. Me ne rallegro, fìa.
Bortolo. Brava, siora Marina. Con mistro ZamariaO?
Marinetta. No so gnente gnancora.
Ferdinando. Come! sì poco affetto
Voi per me dimostrate?
Marinetta. Sentì, ve parlo schietto.
Ve voi ben, lo confesso; spero che sarè mio.
Ma voggio assicurarme, prima de tor mario.
M’ ave dà delle lettere; m’ave ditto chi sè;
De vu no gh’ho sospetti; sarà quel che disè.
Ma perchè no me possa nessun rimproverar.
Ho prega sior Zanetto che el se vaga a informar.
Quando podere dir: Sion, la xe cussi.
(I) Vedasi a pag. 157.
[