Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Luca. Cossa disela? (a Felice)

Felice. Nozze, nozze avemo da far. (forte)
Luca. (Cria, se ti voi criar).
Felice. (Oe digo, Marinella.)
Xelo sordo a sto segno?)
Marinetta. (Credo che el finza).
Felice. (Aspetta).
Ste nozze s’ha da far, la conclusion xe questa,
Co i ghe darà a sior Luca un maggio (i) sulla testa.
(forte)
Luca. Un maggio sulla testa?
Felice. Vedeu se l’ha senlio?
Silvestra. Finzè de no sentirme, perchè voi lor móuio?
Luca. Cossa?
Silvestra. Gamba.
Felice. Sentì. El novizzo xe là.
(accennna Ferdinando)
Silvestra. E qua xe la novizza.
Felice. E la novizza è qua.
(accenna Marinetta)
Silvestra. Dove xela?
Felice. Sior Luca, la burla xe fenia.
Per quel sior ve domando Marina vostra fia.
Silvestra. Seu matta?
Felice. Mio mario Zanetlo, el cognossè.
El ve informerà elo, el ve dirà chi el xe.
Silvestra. Cossa xe sti spropositi?
(Zanetto si accosta a sior Luca, lo tira in disparte, e gli parla)
nell’orecchio, e lo stesso fa poi Felice.
Ferdinando. (Che ho da dire a costei?)
Silvestra. No seu vu el mio novizzo?
Ferdinando. Sposo, ma non di lei.
Silvestra. Donca de chi?
Ferdinando. Di questa.
(I) Maglio.