Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/200

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


E se la bontà vostra sposa a me la concede,

La mia consolazione ogni allegrezza eccede.
Luca. Dasseno?
Ferdinando. Consolatemi col vostro aggradimento.
Luca. Cossa voleu che diga? So chi sè, me contento.
Silvestra. Oh poveretta mi!
Ferdinando. Un semplice ricordo
Si può far per la dote.
Luca. Come?
Felice. E1 xe toma sordo.
Ferdinando. Per la dote, signore...
Luca. Cossa?
Marinetta. Ghel dirò mi.
La mia dota, sior padre. (forte)
Luca. Mo no zigar (I) cussi.
La ghe xe la to dota. Sior sì, la xe investia.
Destrigheve, sposeve, e la sarà fenia.
Ferdinando. Porgetemi la mano. (a Marmetta)
Marinetta. FI cuor za ve l’ho dà.
(dando la mano)
Felice. Bravi. Cussi me piase.
Silvestra. Tocco de desgrazià! (piangendo)
Felice. Animo, che se balla.
Bettina. Siora mare.
Lucietta. Coss’ è?
Bettina. Marina xe novizza.
Lucrezia. Che bisogno ghe xe?
Drento de cameval ti la farà anca ti.
Bettina. La farave stassera.
Lucrezia. Cossa diseu? (a Bortolo)
Bortolo. Mi sì.
Lucrezia. Ve contenteu. Marina?
Marinetta. De diana! sè paroni.
(I) Gridare. Pag. 185. n. 2.