Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/378

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Andreetta. Ve digo ben, ve digo,

Che el nostro sior Lunardo s’ ha tolto un bel intrigo.
Felippo. El xe un omo de garbo; el farà de pulito (’);
No v’indubitè gnente; so quelo (-2) che el m’ha dito.
E pò co no gh’ è done, se sta come se puoi.
Ma co ghe xe carpete (3), le voi quel che le voi.
Andreetta. Disè ben, sior Felippo, gh’ è manco sugizion;
Ma le done in sti casi, crederne, le par bon (4).
Mi me contenterave de star anca a dezun.
Se gh’avessimo tuti una dona per un.
Felippo. Che diavolo diseu? cento e vinti sotane?
No se sentina gnanca a sonar le campane.
A unir tute ste done el saria sta un stramboto;
I dina ala Zucca, che ghe xe el taramoto.
Andreetta Via, se no cento e vinti, almanco una trentina.
Felippo. Pezo, caro Andreetta; ti è mato sta matina.
Tuti arente (5) de lori vorave i più bei grugni:
Se farave regata (6); se se daria dei pugni.
Andreetta. No digo che le fusse done da strapazzar.
Le mugger, le cugnae se poderia menar.
Staressimo più aliegri.
Felippo. No, xe meggio cussi. i
In compagnia le done le me piase anca a mi;
Ma saressimo tropi.
Andreetta. Eh t’ho inteso, baron.
Le te piase le done, co ti le gh’ha in scondon 0).
Felippo. No tanto co fa ti (8); ma poco manco.
Andreetta. Orsù,
Ancuo (9) no gh’ è remedio, no ghe pensemo più.
Semio deboto (10) uniti? Che ghe ne manca assae?
Felippo. Ho visto fin adesso, dopo de mi arivae
Disdoto o vinti gondole.
(1) Farà le cose per bene. (2) Neil" ed. Pitleti quel. (3) Gonnelle: Vili. 141 ecc.
(4) Fanno bella comparsa, sono a proposito. (5) Vicino. Vol. II, 423 ecc. (6) Si andrebbe a gara. V. Boerio. (7) Di nascosto. Vol. IV, 355 ecc. (8) Come a le. (9) Oggi.
( 1 0) Fra poco, a momenti.