Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/384

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



378 JTTO PRIMO
Talor si caccia in testa di non volermi appresso,
Talor, quand’io noi curo, viene a cercarmi io stesso (0.)
Ha gelosia di me, poi viene a confidarmi
Le avventure amorose, ed io soglio spassarmi;
E gli so dar da intendere cento bestialità.
E talor si riscalda. E bello in verità.
Chi sa che cosa rumina quella sua mente insana.
Voglio tenergli dietro, bel bello, alla lontana, (parte)
Giacometto. No voria che sti siori...
Andreetta. Zito, zito; stè atenti.
Prencipia i sonadori a accordar i istrumenti.
Felippo. Godemoli un pocheto, e pò dopo anderemo.
Giacometto. Cossa diseu, che gusti?
Andreetta. Cusì se la godemo.
(Si sente una sinfonia con comi da caccia, la quale si suo-)
nerà in orchestra.
Giacometto. Bravi, bravi dasseno.
Felippo. Sì ben; ghe xe del bon.
Andreetta. Lunardo xe un gran omo.
Giacometto. Se poi dir omenon.
Felippo. A unir sta compagnia poco non gh’ha voleste.
Giacometto. E tuti galantomeni; tuta zente de sesto.
Felippo. Tuti amici de cuor, de quei che no xe finti.
Andreetta. Evviva sior Lunardo.
Giacometto. Evviva i cento e vinti.

SCENA VI.

Anzoletta, Betta e Catte zuecchine.

Anzoletta. Pute, cossa diseu de sta bela matada?

Betta. Cossa mai xe sta cossa? gran zente xe arivada.
Catte. Ghe xe qualche novizza (2)?
(1) Così il testo Pitteri. L’ed. Zaita corresse: vien cercarmi egli stesso. Forse meglio:
viene a cercarmi et stesso. (2) Promessa sposa. Vol. 11, 95, 202 ecc.