Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/392

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


In casa da mia mare no ghe voria più andar.

O veggio maridarme, o me voi retirar.
Aspeto sto sior Conte; spero che el vegnirà,
E se più noi vegnisse, el ciel provederà.
Toni. Mi no so cossa dir, la me fa compassion.
Adesso mo ghe digo, che mi no son paron.
Comanda mio sior pare, ma co lo vedere,
Ghe conterò l’istoria, e lo persuaderò.
Brigida. Sieu tanto benedeto. Da sto parlar se sente
Che se un puto de garbo, e no perdere gnente.
Toni. Mi no voi vadagnar; ma se la resta qua,
Se la vorà disnar, qualcossa ghe vorà.
Brigida. Mi no gh’ho gnanca un bezzo.
Toni. La sta fresca, patrona.
No la gh’ha gnanca un bezzo? Cara eia, la perdona;
Sior Conte no gh’ha dà qualche bagateleta?
Brigida. Oh mi no togo gnente, siben son povereta.
El m’aveva esibio de darme un tanto al dì;
Mi gh’ho dito: sior no. Sposeme, e pò sior sì.
Toni. Brava da galantomo. Parlemose tra nu;
L’ha visto el tempo bruto, e noi ghe torna più.
Brigida. Se el gh’aveva con mi qualche intenzion cativa.
Che el vaga pur al diavolo, e col xe là, che el scriva.
Cossa m’importa a mi del so ben, dei so bezzi?
Son zovene onorata; no voi sti stomeghezzi (0.)
Se i me dona qualcossa, non uso a refudar.
Ma se i slonga le man, li mando a far squartar.
Toni. Dasseno?
Brigida. Sì dasseno.
Toni. Quando la xe così,
No i ghe donerà gnente.
Brigida. Cossa m’importa a mi?
Per mi poco me basta.
(1) Vol. II, 575.