Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/399

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lelio. Basta che io li sappia.

Ottavio. Ed ancor io li so.
Giacometto. E a mi gnente, gramazzo.
Lelio. Ed a voi, signor no.
Giacometto. Me despiase che a fola dona no i ghe ne voi;
Che la vegna; faremo tufo quel che se poi.
Brigida. No no, sior paronzin, ghe son tanto obligada.
Sola con tanti omeni? la xe una baronada.
Me maraveggio gnanca, che el me la vegna a dir.
Ottavio. Sentite? vostro danno. (a Giacomeilo)
Giacometto. La prego a compatir.
Ho dito quel che ho dito senza pensarghe su.
Dopo d’aver disnà, vegniremo qua nu.
Ottavio. Ma signor Giacometto, così non si favella,
Lelio è il sol possessore del cuor di questa bella.
Egli non vuol nessuno, lo so di certa scienza,
E di venirvi, al più, avrò io la licenza.
Lelio. Nè anche a voi noi concedo. (ad Ottavio)
Giacometto. Sentìu? (ad Ottavio)
Ottavio. Perchè tal cosa?
(a Lelio)
Possibil che per me siate così ritrosa? (a Brigida)
Non volete ch’io venga? siete crudel così?
(a Brigida)
Brigida. Che el vegna pur.
Giacometto. Sentìu? voi vegnir anca mi.
(a Lelio)

SCENA VI.

Andreetta e detti.

Andreetta. Presto, che se dà in tola.

Brigida. (Deboto i vien qua luti).
Andreetta. Cossa xe sto negozio? Oe, principieu dai fruti?
(ai tre compagni)