Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/403

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Che qua assolutamente no dovevi vegnir.

Che una dona civil, consorte de un par mio,
No va a far de ste scene in fazza a so mario.
Tornè a montar in gondola, batevela, ma presto;
Parleremo sta sera, e ve dirò pò el resto.
Se vegno a devertirme, se stago alegramente,
A casa, mia parona, ve lassio mancar gnente?
Ho speso el mio ducato. No lo voi butar via,
No voi per causa vostra star in malinconia.
Quanto me par e piase voi rider e burlar.
Animo, a casa vostra, e no me stè a secar, (parte)
Tonina. Pinzerò de andar via, ma tornerò ala riva.
No, no ghe voggio andar, se i me scortega viva.
So sorela? baron; voi vederla a fenir.
Gh’ho una smania in tei cuor, che me sento a morir.
Oh povere muggier, credèghe a sti baroni.
Oh ghe ne xe pur pochi dei marii che sia boni.
Co i xe arente, i ne dise vissere, vita mia,
E co i ne xe lontani, bona sera siorìa. (parìe)
Fine dell’Atto Secondo.