Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/409

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


S’aveva dito: a tola done no ghe sarà.

S’ha mantegnìi l’impegno, e no ghe ne xe sta.
Adesso sta pramatica l’ha avù el so compimento;
S’avemo da inventar qualche devertimento.
Parlerò con Lunardo, aspetè qua un tantin;
Voi che se devertimo, voi che femo un festin;
Voi co ste Zucchine che femo i generosi;
Voi che i diga a Venezia che semo i morbinosi. (parte)
Giacometto. Mi ghe stago.
Andreetta. Anca mi.
Ottavio. Anch’io non mi ritiro.
Lelio. (A servir la Contessa unicamente aspiro). (da sè)
Giacometto. Mo via, care patrone, no le fazza babaoC);
Che le vegna con nu. Le scampa da recao (2)?
Lelio. Queste belle signore patiscono i rossori.
Anderò io da loro; servo di lor signori.
(entra dov’è Brigida)
Ottavio. Non lo lascio di vista il caro amico mio;
S ei si vuol divertire, vo’ divertirmi anch’io.
(parte dietro Lelio)
Andreetta. Lori va per de là; nu andemo per de qua;
Anca per nualtri do (3) qualcossa ghe sarà, (parte)
Giacometto. Za che no gh’ è Tonina, me togo boniman (4).
Vói baiar, voi saltar, magari fin doman. (parte)

SCENA 111.

Camera.

Brigida e Lelio.

Lelio. Ma via, cara signora, siate meco bonina.

Brigida. Cossa vorlo da mi?
Lelio. Datemi una manina.
(I) Fare bau bau. V. Boerio. (2) Da capo, di nuovo: XIII, 341. (3) Due. (4) « Torse
hon in man, prender baldanza, torsi troppo di licenza o di domestichezza »: Patriarchi. V. anche
Boerio.